Tassonomie personalizzate: il rewrite che non funziona

Creare delle tassonomie personalizzate inserite all’interno di un post type personalizzato può essere considerato nel 2024 un’operazione facilissima: ci sono plugin che lo fanno per te (anche se molti di questi non sono aggiornati), e ci sono gli ormai diffusissimi generatori online che potete utilizzare per creare l’impalcatura e anche di più (occhio però ai siti che li offrono). Eppure, potreste cadere in un’insidia: il rewrite.

Già, riscrivere l’url al volo con il rewrite ci permette di creare tassonomie dai nomi complicati, per poi generarle a video con nomi semplici e coerenti. Una vera comodità, per quanto oggi gli url amichevoli siano – diciamo – passati quasi di moda, perché i motori di ricerca moderni hanno molti dati di una pagine a cui attingere, e il rewrite per quanto importante non è poi così fondamentale.

Ma il rewrite degli url ci piace e poi siamo della vecchia scuola… Per le tassonomie personalizzate poi sembra quasi un obbligo!

// singer = custom post_type
// bobdylan =  taxonomy
function my_rewrite() {
    register_taxonomy( 'singer', 'bobdylan', array(
        'rewrite'      => array( 'slug' => 'singer/bobdylan' )
    ) );
}
add_action( 'init', 'my_rewrite', 10 );

… salvo poi accorgersi che non funzionano. Già, non funzionano. Puoi anche aggiornare la struttura dei permalink, ma non funzionano.

Perché? E’ una domanda che mi sono a suo tempo posto e che mi ha fatto perdere ore di sonno. Ed è una domanda che, girando il web, si sono posti in tanti. E la risposta, invero, è piuttosto semplice quanto banale. Una di quelle risposte che ti fanno dare la pappina in fronte.

Vedete, per quanto la logica ci imponga di creare prima i post customizzati e poi le tassonomie a essi collegate, questo è un procedimento sbagliato. E’ necessario creare prima le tassonomie e poi i post customizzati. Solo così il nostro WordPress o ClassicPress può effettivamente riscrivere il rewrite della tassonomia senza creare pagine 404.

Come farlo? Beh, è semplice. E’ sufficiente impostare una priorità maggiore all’azione di creazione delle tassonomie (es. 1) e minore a quello dei post customizzati (es. 10). In questo modo WordPress e Classicpress, creeranno correttamente gli url amichevoli per le nostre tassonomie personalizzate.

Qui approfondimenti sulle tassonomie personalizzate.
Qui per creare tipi di post personalizzati.

Ultime dal blog

Visualizzare i commenti recenti, con avatar, usando uno shortcode

Pubblicato da Il Jester il 20 Giugno 2024

Creazione di un tema figlio su Wordpress e Classicpress

Pubblicato da Il Jester il 19 Giugno 2024

Usare il markdown per scrivere post su Wordpress e Classicpress

Pubblicato da Il Jester il 18 Giugno 2024

Gestire la query string di un url con Javascript

Pubblicato da Il Jester il 16 Giugno 2024

Sicurezza. Disabilitare XMLRPC sul vostro sito Wordpress

Pubblicato da Il Jester il 15 Giugno 2024

Gravatar. Un plugin per tutelare la privacy

Pubblicato da Il Jester il 14 Giugno 2024